PROJECT ZERO

Descrizione

Craniccio fluido in sospensione con zinco (Zn). Consentito in agricoltura biologica.

Azoto (N) organico: 6,0 %

Azoto (N) organico solubile in acqua: 6,0 %

Zinco (Zn) totale solubile in acqua: 2,0 %

Carbonio (C) organico: 20 %

Caratteristiche

Apporta alle colture, in forma interamente complessata con la frazione aminoacida, un elemento essenziale per le piante quale lo zinco. Il prodotto, applicato per via fogliare o per fertirrigazione, è rapidamente assorbito attraverso la cuticola o le radici e traslocato, senza subire degradazioni o insolubilizzazioni, attraverso il sistema linfatico fino al sito di utilizzazione.

Project Zero è molto efficace contro l'insorgenza delle principali fisiopatie dovute alla carenza di zinco quali le rosette apicali di drupacee e pomacee, la folliocellosi degli agrumi, le sriature clorotiche longitudinali del mais. Grazie infine alle sue porpietà bagnanti, adesivanti, antievaporanti e veicolanti, il suo impiego consente di ridurre le perdite per gocciolamento e di avere quindi una maggior efficienza fertilizzante, 

Materie prime

Proteine idrolizzate. Chelata di zinco. Agente chelante EDTA. Intervallo di pH che garantisce una buona stabilità della frazione chelata 4-6.

Dosi d'impiego

FOGLIARE: 250 - 40O gr/hl

FERTIRRIGAZIONE:

  • 12 - 15 kg/Ha su colture arboree
  • 12 - 15 kg/Ha su colture erbacee

IN ABBINAMENTO A DISERBANTI: 5 - 6 kg/Ha

Avvertenze

  • Fertilizzanti organici immediati. Gli animali da allevamento non devono avere accesso alla superficie per almeno 21 gorni dopo l'appicazion.
  • Il prodotto è stabile a temperatura compre tra 10°C e 30°C. 
  • Il prodotto non è combistibile.
  • Non usare puro ma solo diluito.
  • Non deve essere miscelato, nè applicato separatamente a distanza di pochissimi giorni con prodotti a forte reazione alcalina, insetticidi a base oleosa, dodine, fosetyl aluminium, polisolfuri, triforine composti a base di stagno e di zolfo ed erbicidi non sicuramente selettivi.

I valori summenzionati sono approssimativi e soggetti a variazioni in quanto dipendono dalle materie prime. I valori sono il risultato di diverse forniture e delle loro analisi effettuate negli anni scorsi.